fbpx

Il Blog di Avventura sulle Gambe

Cosa è

Questo non è solo un blog di escursionismo e non è un diario delle mie giornate.

Questo blog racconta la mia storia e il mio percorso personale e professionale, mostra le mie riflessioni sui temi che mi stanno a cuore, ragiona sui miei valori, regala consigli sul mondo dell’escursionismo e riporta notizie e curiosità dal Parco del Ticino.

Il racconto di me segue una narrazione disordinata, ma che ha come filo conduttore riscoprire noi stessi nella Natura e attraverso di essa.

Perchè leggerlo

Ci sono almeno tre buoni motivi per leggere gli articoli e per seguire il blog:

  • conoscere me, i miei valori e la mia attività,
  • trovare consigli utili per organizzare le tue escursioni,
  • scoprire il Parco del Ticino e le sue meraviglie.

Chi lo scrive

Lo scrivo principalmente io, che sono Marina: Guida Ambientale ed Escursionistica e creatrice di Avventura sulle Gambe.

E poi lo scrivi tu quando commenti gli articoli, raccontando le tue esperienze personali, aggiungendo suggerimenti o facendo critiche costruttive.

Perché questo blog sia vivo e interessante e collettore di voci diverse, è bello che io non sia la sola a scrivere gli articoli. Se hai qualcosa di interessante da raccontare, partecipa a questo blog come autore!

 

Come è organizzato

Gli articoli sono suddivisi in quattro diverse categorie:

  • Consigli: consigli sull’escursionismo e sul nostro rapporto con l’ambiente,
  • Riflessioni: riflessioni personali sui temi che mi stanno a cuore,
  • Eventi e Notizie: eventi in programma e notizie sul mondo dell’escursionismo,
  • Parco Ticino: notizie e curiosità sul Parco del Ticino.

rss

legno morto

Il legno morto nel bosco

Il legno morto nel bosco e il suo ruolo nell’ecosistema

Le foreste naturali sono ecosistemi complessi e dinamici, nei quali tutte le specie presenti hanno una specifica funzione biologica.

Gli alberi rappresentano le colonne portanti dell’ecosistema forestale, non solo perché costituiscono la principale sorgente di biomassa, ma anche perché garantiscono il sostestamento di una grande varietà di fauna in ogni momento del loro ciclo vitale.

In particolare, circa il 30% della biodiversità che costituisce un ecosistema boschivo è legata al legno morto. Si tratta di licheni, funghi, muschi, animali vertebrati e invertebrati la cui esistenza dipende dai microhabitat che si creano in alberi morenti e cavi o in alberi morti e marcescenti.

Gli organismi saproxilici

Organismi saproxilici sono tutte quelle specie che dipendono, in qualche stadio del proprio ciclo vitale, dal legno morto.

I funghi e gli insetti saproxilici hanno una funzione ecologica estremamente importante all’interno dell’ecosistema forestale: essi sono infatti gli autori della decomposizione del legno.

Sono proprio i funghi per primi ad aggredire il legno compatto infiltrandosi sotto alla corteccia, creando quindi le condizioni per l’avvento degli insetti che completano l’opera di decomposizione.

Insetti xilofagi

Gli insetti xilofagi (che si nutrono di legno) sono principalmente larve di coleotteri. La loro funzione di decompositori (allo stadio adulto o larvale) non esaurisce l’importanza ecologica di questi insetti, che rappresentano anche una vitale fonte di sostentamento per altre specie.

I picchi

I picchi in particolare si nutrono di insetti e di larve che cercano sotto la corteccia degli alberi, all’interno dei tronchi e nella polpa del legno marcio.

Questi uccelli a loro volta contribuiscono ad accelerare la decomposizione del legno: le cavità scavate all’interno dei tronchi espongono infatti il legno ad aria ed umidità, favorendo l’aggressione da parte di funghi ed altri agenti esterni.

I picchi scavano i loro nidi nel legno, sfruttando quando possibile cavità già disponibili in alberi secchi o marcescenti.

Altre specie

Altri numerosi uccelli trovano protezione per la nidificazione negli alberi morti: cince, civette e allocchi, etc…

Tra i mammiferi sono soprattutto roditori, mustelidi e pipistrelli a sfruttare le cavità degli alberi per ripararsi e per riprodursi.

Diverse specie di anfibi e di rettili trovano infine casa sotto a grandi piante schiantate o all’interno di vecchie ceppe.

Il rinnovamento del bosco

La decomposizione del legno morto è fondamentale al processo di rinnovamento del bosco, perché restituisce al terreno un gran numero di nutrienti.

Le giovani piante, che hanno finalmente trovato spazio e luce dopo la morte di una pianta anziana, hanno quindi a disposizione fertile humus per la loro crescita.

Il ciclo dei nutrienti quindi si chiude, assicurando la corretta funzionalità dell’ecosistema forestale.

Il legno morto offre quindi una enorme ed importante varietà di habitat e di nicchie ecologiche che garantiscono l’equilibrio dell’ecosistema boschivo.

L’importanza dei boschi maturi

Il legno morto in bosco è costituito da alberi schiantati, rami caduti, ceppaie sradicate, etc…

La presenza di legno morto è garantita quindi principalmente dall’invecchiamento degli alberi e in secondo luogo da eventi accidentali come incendi e tempeste.

Un’ulteriore causa possono essere infestazioni di funghi o di insetti.

La presenza di grossi alberi anziani nei boschi maturi è dunque una condizione indispensabile per avere legno morto.

La gestione forestale

Lo sfruttamento sistematico delle foreste, perpetrato da un lato con tagli a ciclo breve per ottenere legname e dall’altro con interventi di pulizia per agevolare il turismo, tende ad eliminare il legno morto in bosco.

L’assenza di boschi maturi e la frammentazione degli habitat in favore di spazi agricoli e urbanizzati, hanno causato il forte declino degli insetti saproxilici. Molti di essi sono a rischio di estinzione, nonostante la loro grande importanza ecologica.

Una gestione forestale accorta tiene conto della quantità ottimale di legno morto da lasciare al bosco e ne valuta i tempi di decomposizione.

Sono così state redatte linee guida e piani forestali volti alla salvaguardia della fauna saproxilica e della funzionalità degli ecosistemi forestali.

Conclusioni

Un bosco pulito in cui si può mangiare per terrabello ordinato e sicuro, è in realta un bosco molto povero.

La biodiversità e l’equilibrio dell’ecosistema forestale sono garantiti solamente dalla naturalità e dal lavoro di tutte le specie.

Vi ricordate anche del ruolo importante dell’edera nel rinnovamento e nella selezione naturale del bosco?

plant blindness

Plant Blindness

Plant Blindness: cecità alle piante

Plant blindness è un termine che descrive l’incapacità dell’uomo di vedere le piante e di riconoscerne la vitale importanza.

Nonostante il mondo vegetale costituisca circa l’80% della biomassa sulla Terra e abbia un ruolo cardinale in tutti gli ecosistemi, noi non lo vediamo.

Le piante rappresentano per noi un grande sfondo verde e non siamo in grado di riconoscerne l’importanza che meritano nel garantirci ossigeno e nutrimento.

Definizione di Plant Blindness

Il termine plant blindness è stato coniato nel 1998 dai botanici e professori di biologia Elisabeth Schussler (Ruth Patrick Science Education Center, Aiken, South Carolina) e James Wandersee (Louisiana State University, Baton Rouge, Lousiana) ed è definito come:

  • l’incapacità di vedere o di notare le piante nel nostro ambiente e la conseguente incapacità di riconoscerne l’importanza nella biosfera e negli interessi umani,
  • l’incapacità di apprezzare le caratteristiche estetiche e biologiche uniche delle piante,
  • l’errata ed antropocentrica classificazione delle piante come inferiori agli animali e quindi l’errata conclusione che esse non siano degne della considerazione dell’uomo.

Cause

Perché non vediamo le piante e le consideriamo come un generico verde di sfondo alla nostra vita? Perché ci preoccupiamo per gli animali che rischiano l’estinzione e nemmeno sappiamo che una specie vegetale su otto è a rischio di estinzione?

Le cause di questo fenomeno sono di due tipi: culturali e cognitive.

Cause culturali

Fin da bambini siamo esposti alle immagini degli animali più che delle piante e siamo chiamati al loro riconoscimento tramite immagini e disegni: ci viene insegnato a distinguere un cane da un gatto, ma nessuno ci spiega la differenza tra un acero ed una quercia. Anche nei libri di scuola, l’attenzione rivolta agli animali (in particolare ai vertebrati) è sempre maggiore di quella rivolta alle piante, nonostante queste ultime siano essenziali per la nostra sopravvivenza. La visione antropocentrica e zoocentrica dei testi scolastici ci insegna che lo studio delgi animali è più importante di quello delle piante.

Vedremo però più avanti come questa visione antropocentrica possa avere un fondamento biologico.

La vita tecnologica in città inoltre ci ha allontanato sempre più dal mondo naturale. Le piante sono relegate al ruolo di soprammobili o di ornamenti per parchi e giardini: riconosciamo loro un ruolo estetico, ma non funzionale. Anche ai boschi riconosciamo solo un ruolo pratico: dalla raccolta di funghi e di fiori alla possibilità di fare passeggiate e picnic, dalla produzione di legna da ardere alla ricerca di immagini instagrammabili. Raramente ci rendiamo conto dell’importanza biologica di un bosco naturale, che anzi ci sembra disordinato.

Cause cognitive

Schussler e Wandersee hanno riconosciuto nella natura del sistema di processamento dell’informazione visiva umana una delle cause principali della nostra cecità alle piante.

I nostri occhi infatti generano oltre 10 milioni di bit di informazioni ogni secondo, ma il nostro cervello non è in grado di elaborarne più di 40, di cui solo 16 in modo consapevole. Questo limite cognitivo è gestito dal nostro cervello categorizzando i dati e selezionando solo quelli che possono essere pericolosi: movimento, colori particolari, oggetti sconosciuti o potenzialmente pericolosi. Poiché le piante sono statiche, hanno più o meno tutte lo stesso colore e non ci aggrediscono, il nostro cervello le raggruppa in un grande sfondo verde.

Benjamin Balas e Jennifer Momsen ,(North Dakota State University, Fargo, North Dakota), hanno evidenziato le grandi differenze nel modo in cui il nostro sistema visivo elabora le piante rispetto al resto, attraverso lo studio di come immagini di piante e di animali riescano a coinvolgere le nostre risorse di attenzione.

Sarah Batt spiega infine come il nostro atteggiamento verso gli altri esseri viventi sia influenzato dalla somiglianza biologica e comportamentale che la data specie ha con quella umana e dimostra che noi preferiamo le specie che ci somigliano maggiormente dal punto di vista bio-comportamentale. Questo atteggiamento è alla base della diversa attenzione che noi poniamo nello studio e nella conservazione delle specie viventi.

Le piante sono molto diverse da noi: hanno un movimento ed un comportamento visibili su una scala di tempo molto più lunga di quanto sia percebile dall’occhio umano. Studi recenti hanno dimostrato che le piante sono dotate di grande intelligenza e grande capacità di comunicare tra loro. Sono in grado di manipolare l’ambiente circostante in modi molto sofisticati.

Conseguenze

Il problema più grave di questa nostra mancanza di consapevolezza del mondo vegetale e del mancato riconoscimento della sua importanza è che non ci impegnamo per la sua conservazione.

Questo si traduce in una importante perdita di biodiversità.

Come vincere la Plant Blindness

La soluzione proposta da Schussler e Wandersee per superare la nostra cecità alle piante è stata la campagna Prevent Plant Blindness.

Rivolgendosi ad insegnanti e studenti e con l’ausilio di poster informativi, i ricercatori hanno invocato un aumento sensibile di consapevolezza. Questa può essere insegnata ai ragazzi da educatori specializzati all’interno di orti e giardini botanici.

L’educazione alla consapevolezza ambientale delle nuove generazioni è quindi l’arma vincente per sconfiggere questa cecità e fare luce sull’importanza del sistema ambiente e sul nostro ruolo all’interno di esso.

 

parco ticino nuovo direttore

Parco Ticino Dream Team: la nuova squadra al comando

Il Parco del Ticino ha un nuovo direttore

Il parco del Ticino ha un nuovo Direttore. Ma non solo.

Con la conferenza stampa dello scorso Martedì 10 Novembre, la Presidente Cristina Chiappa ha presentato la nuova squadra al comando.

Finalmente dunque l’operatività del nuovo team è ufficiale.

 

Cristina Chiappa, presidente del Parco da Ottobre 2019, sarà quindi affiancata da tre nuove persone in ruoli importanti nella gestione dell’ente:

Direzione

Claudio de Paola è il nuovo Direttore. Conosce bene il Parco e il suo territorio perché per l’ente è stato già responsabile del settore agricoltura dal 1987 al 2014; ha poi lavorato per Regione Lombardia (direzione generale Agricoltura e direzione Ambiente). De Paola ha tutti i titoli per prendere la direzione del Parco e per gestire con profitto le relazioni con la Regione. Chi lo ha conosciuto durante la sua prima esperienza per l’ente, lo descrive come un tipo pratico e attento alle esigenze del territorio e delle persone.

Vigilanza

Mirko Mereghetti è il nuovo Comandante della Vigilanza. Già comandante della Polizia Locale di Corbetta e poi di Gallarate, approda alla gestione del Settore Vigilanza che da mesi non aveva un Comandante. Preparato e motivato, ha da subito dimostrato di essere una persona di carattere. Mereghetti guiderà sia le Guardie del Parco che il Volontariato, accettando una difficile sfida: assicurare la prevenzione e il controllo del territorio coordinando i pochi agenti dipendenti dell’Ente con i 300 volontari del corpo del Parco.

Settore Fauna

Monica di Francesco è la nuova Responsabile del Settore Fauna. Biologa, Dottore di Ricerca in Scienze Ambientali (PhD) e già funzionaria dell’Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, raccoglie il testimone di Adriano Bellani e porta nel Parco Regionale del Ticino l’esperienza maturata in un Parco Nazionale. Forte di una grande preparazione scientifica e di solide competenze di coordinamento, Di Francesco è già attiva con diversi progetti di monitoraggio della fauna.

 

Il Parco del Ticino ha quindi un nuovo Direttore, una Presidente in gamba, un Comandante motivato e una Responsabile del Settore Fauna di cui Bellani potrà essere fiero.

 

Da Guida, da Volontaria e da amante del Parco del Ticino, auguro buon lavoro a tutta la squadra.

Questo nuovo team ha i talenti per gestire il territorio in modo attivo ed efficace. Spero ciascuno di loro abbia la costanza di impegnarsi soprattutto per il Parco, più che per l’Ente.

 

Hedera Helix

Hedera Helix – edera comune

Hedera helix

Ordine: Apiales Nakai
Famiglia: Araliaceae’ Juss.
Tribù: Hedereae
Genere: Hedera L.

Arbusto rampicante

Hedera Helix o edera comune è un arbusto rampicante molto diffuso alle nostre latitudini.

Il nome del genere deriva dal latino Haerere, che significa ‘stare attaccato’; l’epiteto specifico helix deriva dal greco Helissein, che significa ‘arrampicarsi’.

L’edera ha un fusto volubile che, soprattutto nei primi anni di vita, non è in grado di sostenere la pianta. Per questo motivo, alla ricerca di luce, l’edera ha bisogno di un supporto per crescere in altezza: un albero, un palo, un muro, etc…

In età adulta il fusto e i rami principali si ingrossano e diventano tronchi solidi; li vediamo spesso avvinghiati alle piante con cui crescono, tanto da essere inglobati tra i rami di queste.

L’edera aderisce strettamente ai supporti tramite piccole e fitte radici aeree che si insinuano saldamente nelle crepe dei muri o delle cortecce assicurando alla pianrta una salda aderenza. Queste radici hanno funzione meccanica e non nutritiva: come le altre liane infatti essa si nutre tramite le sue proprie radici infisse nel terreno.

Sempreverde

L’edera è una pianta sempreverde e porta foglie persistenti, alterne, di colore verde scuro e lucide; la forma delle foglie varia a seconda che queste siano portate da rami maschili o femmini.

Rami maschili

I rami maschili sono sterili e sono caratterizzati dalle radici aeree che servono alla pianta per ‘muoversi’ strisciando a terra in cerca del supporto e arrampicandosi avvinghiate ad esso in cerca della luce; portano foglie a 3-5 lobi, dalla tipica forma con cui solitamente disegnamo l’edera.

Rami femminili

I rami femminili invece portano i fiori, non hanno radici aeree e le foglie sono intere e con una forma ovato-romboidale, quasi a cuore. I fiori sono piccoli e giallo-verdastri, molto profumati e riuniti in ombrelli che compaiono alla fine dell’estate. Questa fioritura tardiva dell’edera è fonte di preziosa bottinatura per migliaia di insetti che in questo periodo dell’anno non avrebbero altrimenti altri pollini. I frutti sono drupe carnose di colore nero che contengono in media 2 – 5 semi, che sono fonte di cibo per numerose specie di uccelli soprattutto in inverno.

Proprietà fitoterapiche

Le proprietà curative dell’edera comune sono note fin dai tempi di Ippocrate e di Galeno in particolare per la cura della tosse. Le saponine triterpeniche contenute nelle foglie hanno infatti proprietà espettoranti, fluidificano il catarro e calmano la tosse. L’edera ha inoltre proprietà decongestionanti, vaso-costrittrici, anticellulitiche e antinevralgiche.

Per gli scopi medicinali sono usate solo le foglie: i frutti sono velenosi per l’uomo.

Funzione ecologica

Hedera Helix svolge un ruolo ecologico di fondamentale importanza per l’equilibrio del bosco e per la fauna.

Innanzitutto, la copertura perenne di foglie che avvolge i tronchi degli alberi offre a questi un’eccellente coibentazione; garantisce inoltre riparo agli animali selvatici e ospitalità a numerose specie di uccelli nidificanti.

La fioritura tardiva abbiamo visto che è preziosa per gli insetti bottinatori, che alla fine dell’estate difficilmente trovano altri fiori; le bacche carnose disponibili in inverno sono invece un’importante fonte di sostentamento per gli uccelli.

Il peso e il volume che i rami sempreverdi dell’edera caricano sulle piante cui si appoggiano possono, in caso di forte vento, pioggia o neve, appesantirla molto e causarne lo schianto. Questo succede alle piante vecchie e malate, che non sono sufficientemente forti da reggerla. Questo fenomeno, contribuendo alla caduta delle piante meno resistenti, è molto importante per il rinnovamento del bosco per due motivi: da un lato si creano spazio e luce per consentire la crescita di nuove piante, dall’altro la pianta vecchia e schiantata rimarrà a marcire in terra. (Vi parlo del ruolo fondamentale del legno marcio in bosco in questo post.)

Miti e leggende

Dioniso

L’edera era nell’antichità uno dei simboli di Dioniso, tanto che questo era chiamato kissostéfanos che significa ‘incoronato d’edera’.

Il mito racconta che l’edera comparve subito dopo la nascita del dio, per proteggerlo dal fuoco che bruciava il corpo della madre in seguito ad un fulmine lanciato da Zeus; si dice inoltre che la pianta avvolgesse tutta la casa di Cadmo, attenuando le scosse di terremoto che accompagnavano il fulmine. Per questo motivo i tebani avevano consacrato questa pianta a Dioniso e la chiamavano perikiosos, che significa ‘avvolgitore di colonne’.

Dalla pianta prendeva il nome anche la fonte Kissoûssa presso Tebe, dove le ninfe avrebbero bagnato il piccolo Dioniso dopo la nascita; le leggende raccontano inoltre che il dio sia stato allevato sul monte Elicona (dall’epiteto helix).

Poiché era la pianta sacra a Dioniso, si diffuse la convinzione che circondare la fronte con una corona di edera prevenisse gli effetti dovuti alle intossicazioni da eccesso di vino.

Simboli

La forma a cuore delle foglie e il portamento avvinghiato indissolubilmente al supporto fanno dell’edera simbolo di fedeltà ed amore eterno.

In quanto sempreverde è simbolo anche di immortalità.

NOTA IMPORTANTE

Purtroppo è credenza diffusa che l’edera sia parassitaria e dannosa per gli alberi cui si arrampica: NON E’ VERO. Non troverete questa informazione su alcun testo di botanica.

In realtà Hedera Helix non danneggia in alcun modo una pianta sana: non è un parassita perché ha le proprie radici con cui trarre il nutrimento dal terreno e non soffoca un albero con un buon apparato fogliare.

Nei boschi ad alta naturalità del Parco del Ticino Hedera Helix è molto diffusa e svolge egregiamente il suo ruolo nell’ecosistema del bosco. Capita però purtroppo di trovare talvolta alcune piante vandalizzate a colpi d’ascia: questa pratica non solo non è utile al bosco, ma è anche dannosa e sanzionabile!

Abbiamo visto che l’edera può essere pericolosa solo per le piante vecchie e malate, delle quali può compromettere la stabilità. Se questo effetto nel bosco ha solo vantaggi di tipo ecologico, può invece essere percepito come dannoso da chi ha interessi particolari su determinati alberi: ad esempio la quercia che fa i fughi porcini del ‘funsatt’, l’albero secolare del paese o la quercia sulla riva del fosso dell’agricoltore, etc…

Ma se gli interessi dell’uomo prevalgono su quelli dell’ecosistema, chi dobbiamo davvero considerare come dannoso? l’uomo o l’edera?

 

fuori dai luoghi comuni

un’escursione fuori dai luoghi comuni

Non vi porterò nei posti famosi, sui sentieri del turismo e sulle cime di Instagram. Vi accompagnerò in escursione fuori dai luoghi comuni, ad esplorare posti poco conosciuti o a scoprire la bellezza di luoghi apparentemente banali, perché voglio insegnarvi a trovare la vostra meraviglia ovunque e non dove ve la fa cercare la moda.

Non vi dirò che il mio ufficio è il bosco quando questo sarà il mio luogo di lavoro, perché ho lavorato in ufficio tanto da sapere che è molto diverso dal bosco. Sono sicura che nessun lavoro ha bisogno di un ufficio per essere legittimo: i lavori all’aperto hanno la stessa dignità di quelli alla scrivania.

Non metterò il poi all’inizio della frase, perché ho a cuore il presente. Poi è un avverbio che implica un prima: metterlo all’inizio della frase equivale per me a cancellare il passato e a confondere il presente.

L’abbondanza sarà tale e non come se piovesse perché a piovere sarà solo la pioggia. Speriamo non sia troppo abbondante da impedirci di uscire ad esplorare il mondo. Vivremo le nostre avventure anche da bagnati, purché non sia pericoloso.

Cammineremo tanto e ci riempiremo gli occhi di meraviglia; faremo esperienze nuove e ne ripeteremo di vecchie in modo diverso; vivremo la natura in modo pieno e consapevole, ma non come se non ci fosse un domani, perché altrimenti potrebbe essere un po’ triste.

Ci saranno belle domeniche, bei gruppi, belle escursioni e belle amicizie; qualcuna magari sarà più bella delle altre. Non ci sarà però qualcosa, quello bello, perché ogni cosa avrà la sua propria bellezza.

Frasi fatte, ne abbiamo? No, perché non saprei come esprimere un pensiero originale con frasi fatte da altri e che usano tutti.

Soprattutto vi prometto il mio impegno per trovare le parole più giuste e la comunicazione più efficace per trasmettervi il mio entusiasmo e per aiutarvi a riconoscere il vostro personale legame con la Natura di cui siete parte.

Non sarò alla moda, ma sarò personale ed originale; sarò fuori dai luoghi comuni.

quanta bellezza

Riconosco un’immensa bellezza nella natura e nel suo fluire: i ritmi del giorno e della notte, delle stagioni, della crescita e dell’invecchiamento, della vita e della morte. ci sono in tutto questo un equilibrio e una perfezione che suscitano ammirazione.

Riconosco un’immensa bellezza alle persone che vivono in questo flusso e ne fanno parte: come le piante acquatiche che fluttuano senza opporre resistenza alla corrente, queste persone stanno al mondo con felice e selvatica semplicità. esse davvero sono natura.

Voglio vivere in prima persona questa bellezza: voglio vivere immersa in essa e rinselvaltichirmi al punto da entrare in quel flusso vitale.

Per farlo, ho bisogni di conoscere bene la natura e i suoi ritmi: prima di rinselvatichirmi devo studiare ancora molto. Però mi piace così tanto che anche lo studio matto e disperatissimo entra a far parte di questa bellezza.

 

La prossima settimana dirò addio al lavoro in ufficio e la mia avventura sulle gambe avrà davvero inizio!

chi vuole venire con me??

 

 

The Leave No Trace Seven Principles

9 persone su 10 non sono informate sul proprio impatto sulla natura.

L’organizzazione Leave no Trace, negli USA, si occupa di ricerca, di educazione ambientale e di iniziative rivolte alle persone che frequentano l’outdoor, fornendo gli strumenti per divertirsi all’aria aperta responsabilmente e per proteggere consapevolmente l’ambiente.

I principali problemi affrontati da LnT sono: sentieri e aree naturali danneggiati, acque inquinate, fauna a rischio, incendi boschivi distruttivi, Parchi sovraffollati, connessione dei giovani con la Natura.

I 7 principi del Leave no Trace rappresentano uno schema semplice di buone pratiche per minimizzare il nostro impatto durante tutte le attività all’aria aperta. Ogni principio tratta un argomento specifico e offre informazioni dettagliate per contenere gli effetti del nostro passaggio.

  1. Pianifica e prepara: Pianificare e preparare adeguatamente una gita o un’escursione consente di affrontare con serenità e in sicurezza la nostra avventura, e al tempo stesso di limitare il nostro impatto sull’ambiente. Gli aspetti principali da tenere in conto quando organizziamo un’escursione sono: la meta e le aspettative; le abilità e l’allenamento dei partecipanti; la conoscenza del posto (attraverso documentazione scritta, mappe, ufficio informazioni locale, etc…); equipaggiamento e abbigliamento; valutazione di tutte le attività in base agli obiettivi e alle capacità di tutti i partecipanti; appunti di eventuali precedenti escursioni nella stessa zona. Atri fattori da tenere in considerazione sono: il meteo; il terreno; eventuali regolamenti ed ordinanze locali; eventuali proprietà private; la velocità media di cammino del gruppo; una stima sulla quantità di cibo necessaria (sufficiente, ma non in eccesso). E’ inoltre importante organizzarsi in modo da produrre meno rifiuti possibile e per riportarli a casa agevolmente.

2. Viaggia e campeggia su superfici resistenti: quando camminiamo in ambiente naturale dobbiamo considerare quanto questo sia delicato. Una superficie vegetata sarà danneggiata dal calpestio ripetuto, le specie presenti non saranno in grado di riprendersi e il suolo diventerà arido e facilmente soggetto ad erosione. Per questo motivo è necessario seguire i sentieri, mantenendosi sulla traccia principale ed evitando quindi di inventare varianti o scorciatoie. Se abbiamo necessità di abbandonare il sentiero (ad esempio per cercare “un bagno”, per fare un picnic, per esplorare una zona selvaggia, etc…) dobbiamo considerare la resistenza del terreno, preferendo di passare su rocce, sabbia, ghiaia piuttosto che su prati fioriti. Allo stesso modo, se decidiamo di montare la tenda in natura, dobbiamo considerare alcuni fattori importanti: la fragilità del suolo e della vegetazione, il disturbo alla fauna selvatica, eventuali tracce precedenti di campeggio o di utilizzo e la nostra potenzialità di danneggiare l’ambiente.

3. Smaltisci correttamente i rifiuti: i rifiuti abbandonati in natura non solo rovinano l’esperienza di chi verrà dopo di noi, ma rappresentano un grave danno all’ambiente, all’inquinamento delle acque e alla vita della fauna selvatica. Non si tratta solo di carta, di plastica e di rifiuti indifferenziati, ma anche dei nostri rifiuti organici, degli avanzi di cibo, etc… Ricordiamoci quindi di portare via tutta l’immondizia e gli avanzi e gli scarti del cibo: anche ciò che ritieniamo biodegradabile rappresenta una forma di inquinamento, e per gli animali il cibo umano è nocivo. Per quanto riguarda invece i rifiuti organici solidi, la soluzione migliore è di solito il cat hole.

4. Lascia quello che hai trovato: consentiamo a chi verrà dopo di noi di vivere le tue stesse esperienze ed emozioni, lasciando piante, fiori, rocce, manufatti archeologici e qualsiasi oggetto interessante dove e come li abbiamo trovati. Lasciamo i posti che visitiamo così come li abbiamo trovati: evitiamo di scavare buche o di costruire barriere, di danneggiare gli alberi e le piante, etc…

5. Riduci al minimo il rischio di incendi boschivi: evitiamo di accendere fuochi a terra e scegliamo sempre aree attrezzate per le nostre grigliate; se decidiamo di campeggiare all’aperto scegliamo un fornello a gas o un barbecue rialzato da terra. Nel rispetto dell’ambiente, evitiamo inoltre di danneggiare le piante per ricavare legna da ardere. Non abbandonare la brace o la cenere, anche se sono fredde. Informiamoci su regole e disposizioni del luogo prima di partire, e rispettiamole.

6. Rispetta la fauna selvatica: Scopriamo la fauna selvatica osservandola da lontano, in modo da non spaventare gli animali od obbligarli a fuggire; non diamo loro cibo (il cibo umano è dannoso per gli animali selvatici, interferisce con la loro capacità di procurarsi il cibo, ostacola la selezione naturale, rende gli animali selvatici troppo confidenti con l’uomo); prestiamo attenzione a non inquinare in alcuna maniera le fonti d’acqua.

7. Rispetta gli altri visitatori: la buona educazione e la cortesia per gli altri visitatori aiutano tutti a godere della propria esperienza all’aperto. Rumori eccessivi, animali domestici non controllati e un ambiente danneggiato tolgono il fascino naturale agli spazi aperti. Consideriamo sempre con attenzione a come la nostra esperienza influenzi il modo in cui qualcun altro apprezza la vita all’aria aperta. Quando camminiamo sui sentieri stretti di montagna, ricordiamo di dare precedenza a chi sta salendo; dove non diversamente segnalato, i cavalli hanno precedenza sugli altri escursionisti, e questi hanno precedenza sulle biciclette.

NB. quella che vi ho fornito è una traduzione molto semplificata dei 7 principi elaborati da Leave no Trace; se conoscete la lingua inglese, vi esorto quindi ad approfondire sul loro sito. Le linee guida formulate per i grandi Parchi americani non sempre sono applicabili negli ambienti europei altamente antropizzati, ma sono comunque utili per risvegliare la consapevolezza del nostro impatto sull’ambiente e forniscono preziosi consigli per le nostre avventure outdoor.

© 1999 by the Leave No Trace Center for Outdoor Ethics: www.LNT.org.

come cacare nel bosco

come cacare nel bosco

Vi siete mai domandati come cacare nel bosco nel modo corretto?

Lo smaltimento corretto dei rifiuti organici umani è importante per evitare l’inquinamento delle fonti d’acqua, per evitare la brutta esperienza di qualcun altro che li trova, per minimizzare la possibilità di diffondere malattie e per massimizzare il tasso di decomposizione.

Nella maggior parte dei posti, seppellire i nostri bisogni nel modo corretto è il metodo più efficace per soddisfare questi criteri.

In alcune zone particolarmente delicate, come ad esempio stretti canyon fluviali, i rifiuti solidi umani devono essere impacchettati e rimossi. E’ quindi sempre necessario informarsi in loco.

Il sistema solitamente più adeguato per lo smaltimento dei nostri rifiuti organici è il “cat hole”: un buco scavato nel terreno in cui sotterrare tutto.

Per non lasciare alcuna traccia durante le vostre escursioni o campeggi all’aperto, vi consiglio di tenere sempre nello zaino il vostro “kit cacca“:

  1. paletta da giardiniere in plastica,
  2. carta igienica biodegradabile,
  3. sacchetto per l’immondizia per portare via eventuali salviettine o assorbenti, che non devono in alcun caso rimanere in ambiente.

per scavare il vostro “cat hole” perfetto seguite le istruzioni:

  1. scegliete un sito ad almeno 60 metri da fonti d’acqua, se possibile in posizione rialzata ed esposta alla luce solare (il calore accellera la decomposizione), lontano da sentieri o altri spazi frequentati dalle persone,
  2. scavate un buco profondo circa 20 cm (più o meno la lunghezza della paletta) e con diametro di circa 15 cm,
  3. fate tutto lì dentro,
  4. alla fine coprite il buco con il terreno originale e mascherate con sassi o foglie.

per approfondimenti: Cat Holes by Leave no Trace

© 1999 by the Leave No Trace Center for Outdoor Ethics: www.LNT.org.

ancora in attesa

Avevo grandi progetti per questa primavera. Avrebbe dovuto essere la mia primavera: iniziare finalmente a lavorare ad un sogno coltivato con pazienza e con impegno per tanto tempo. Trovata la soluzione per tanti problemi e presa la rincorsa per superare diversi ostacoli, me ne sono trovata di fronte uno più grosso di tutti.

Più grosso di tutti noi, oserei dire.

Ora che la nostra società pian piano e timidamente si rimette in movimento potrei forse pensare di farlo anche io…

Invece no.

Valutata la attuale situazione sanitaria e le disposizioni legislative di ogni livello, mi rendo conto che non potrei in queste condizioni lavorare come voglio io: non avrei la libertà di espressione che cerco nell’accompagnamento in natura, né la possibilità di trasmettere il mio messaggio ai miei compagni di avventura.

Aspetterò ancora.

Intanto progetterò e studierò e continuerò a lavorare per essere la guida che voglio essere.

Aspettatemi.